martedì 10 gennaio 2017

Libraperto

Le sonore bugie
 di Pinocchio

di Michela Pezzani

In un audiolibro edito da Giunti  l’attore Paolo Poli presta la voce al burattino di legno  che diventa bambino e nacque dalla penna di  Carlo Lorenzini, detto Collodi, 131 anni fa.





E’ uno dei libri per l’infanzia più letti, ora  disponibile anche per i disabili della vista in un audiolibro edito da Giunti(2011, Euro 12),  più che letto, interpretato, dall’attore Paolo Poli, recentemente scomparso.  “Le avventure di Pinocchio”, ovvero la storia del burattino intagliato nel legno dal povero falegname mastro  Geppetto e  che diventa bambino,  è frutto della penna del giornalista e scrittore fiorentino Carlo Lorenzini, detto Collodi(24 novembre 1826 – 26 ottobre 1890): un capolavoro della letteratura capace di   catturare il lettore fin dall’incipit che recita;
 “C’era una volta… - un re! - diranno subito i miei piccoli lettori. No ragazzi, avete sbagliato: c’era una volta un pezzo di legno”.
Le  peripezie del personaggio al quale si allunga il naso a dismisura quando dice bugie sono raccolte in un elegante cofanetto che contiene il cd e un libretto corredato dalle illustrazioni del disegnatore Enrico Mazzanti, le stesse che  apparvero sulle prime edizioni del volume presentato nel 1883 dalla Libreria Editrice  Felice Poggi di Firenze. Irriverente e simpatico allo stesso tempo , il Pinocchio narrato a Poli risalta in tutta  la sua personalità eclettica attraverso l’interpretazione dell’attore (anch’egli toscano di Firenze) che con la sua arte recitativa, timbro e melodia vocale, ha saputo nono solo dare voce al fascino della fiaba ma l’ha resa visibile,  sceneggiando e rendendo plastica l’indimenticabile racconto che è il  libro italiano più letto  e tradotto al mondo, pubblicato in 187 edizioni e tradotto in 260 lingue.

Le avventure di Pinocchio” apparve per la prima volta a puntate il 7 luglio 1881, col titolo “Storia di un burattino”,  sul primo numero della rivista per l’infanzia Giornalino per i bambini, fondato da Ferdinando Martini, considerato il pioniere dei periodici italiani per ragazzi. Il frutto di un pezzo di legno da catasta e non certo di un  ciocco di lusso, ovvero Pinocchio, il ragazzino che tutti sentono di avere per amico ed è riuscito, fin dalla sue prime marachelle, a darci sia  lezione di sana trasgressione che motivo di riflessione, supera dunque le barriere della carta stampata per arrivare,  sonoro, a chi ha orecchie per ascoltare, con la sua estrema attualità di  eterno sogno ad occhi aperti,   forte  di una freschezza originaria, evergreen, capace di incantare e disincantare. L’audiolibro ha partecipato alla 48° edizione del Bologna Children’s Book Fair- Fiera del libro per ragazzi e a partire dai sei anni in su ha molto da insegnare a tutti

Nessun commento:

Posta un commento